I nostri centri diurni: due porti calmi e sicuri

Il faro che guida il nostro lavoro di riabilitazione nei centri diurni è l’acquisizione, il recupero e il mantenimento di competenze e valori importanti, dalla cura di sé fino alla ricerca di un lavoro

Un solido
approccio di “rete”


I nostri centri accolgono ragazzi adolescenti in condizioni psicopatologiche che non richiedono trattamenti residenziali. L’accesso alle due strutture avviene su indicazione dei Servizi di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza del SSN e anche su richiesta di privati cittadini.
Le diagnosi cliniche che solitamente vengono presentate all’ingresso sono molto variabili e spaziano dai disturbi di personalità alle psicosi, fino ai ritardi cognitivi. L’accesso e la definizione del percorso di intervento vengono condivise con i Servizi invianti seguendo un fruttuoso approccio di “rete”.

Le famiglie di adolescenti con disagio psichico possono contare, a Torino e in provincia, su due centri diurni facilmente raggiungibili che incoraggiano la socializzazione con altri ragazzi. Si tratta dei centri La valle della luna e Il senno di Orlando, due splendide realtà nelle quali i minori in condizione di criticità possono vivere e aggregarsi senza percepire alcun senso di ospedalizzazione o isolamento. Entrambi i centri diurni hanno infatti come obiettivo principale il risveglio delle risorse e delle potenzialità per una crescita autonoma e una migliore inclusione sociale.

Luoghi protetti con amore

Il nostro impegno costante è quello di non allontanare il ragazzo dalla famiglia mantenendo la collocazione più “naturale” possibile e tentando di migliorare i rapporti intra-familiari.
Un altro fondamentale obiettivo è per noi quello di non interrompere il percorso scolastico e altri legami sociali, cercando di facilitare il più possibile l’integrazione e la socializzazione del minore.
I nostri centri diurni sono aperti dalle 10.00 alle 18.00 dal lunedì al venerdì e dalle ore 10.00 alle ore 14.00 il sabato, e possono ospitare sino a 20 ragazzi con una presenza contemporanea di 10 minori alla volta, in età compresa tra i 10 e i 18 anni.
Qui è possibile accedere alla carta dei servizi dei nostri centri diurni e alla mappa delle attività nell’area minori.

La valle della luna

Il centro diurno La valle della Luna è situato in corso Principe Oddone 88, a pochi metri dal centro città, ed è uno dei due unici Cdsr (Centri diurni socio-riabilitativi) accreditati sul territorio di Torino. La struttura è un luogo molto accogliente in cui si sperimentano numerose attività laboratoriali riabilitative per l’incremento di abilità sociali, cognitive, di problem solving attraverso gruppi di lavoro stimolanti e creativi.
Le attività vengono svolte in gruppi composti da massimo tre minori compatibili per funzionamento, condotte da operatori formati appositamente.

Il senno di Orlando

Il Cdsr sito sul territorio della provincia di Torino prende il nome de Il senno di Orlando, collocato su Strada Antica di Grugliasco 116, a pochi chilometri da Torino, ed è l’unico Cdsr accreditato per la provincia di Torino. La collocazione di quest’ultimo dà la possibilità anche alle famiglie di minori con disagio psichico che vivono nella valle piemontese di accedere al servizio di cura.
Per entrambi i centri, la frequenza di ogni singolo minore viene concordata in base al progetto individuale strutturato dalla rete dei servizi territoriali coinvolti.

L’accoglienza
e la serenità

Due valori mai in discussione

«I nostri centri diurni socio riabilitativi rappresentano uno spazio nel quale i minori in condizione di criticità possono vivere e aggregarsi serenamente, dove il loro disturbo può trovare accoglienza e, soprattutto, un luogo in cui poter fare, parlare, imparare, essere accolti e ascoltati. Una zona protetta in cui non si è giudicati né esclusi, e in cui il lavoro è teso a valorizzare le potenzialità del singolo».

Amar Bensaad, direttore Area Minori AltraMente

La riabilitazione possibile

Il ruolo dei Centri diurni socio-riabilitativi

I Cdsr utilizzano le attività laboratoriali riabilitative come strumento finalizzato all’incremento di abilità sociali, cognitive, di problem solving, e soprattutto per realizzare un inserimento in gruppi di lavoro stimolanti e reali. Compito elettivo dei centri diurni è infatti quello di intervenire precocemente sulle problematiche psichiche ed evitare il ricorso alla residenzialità o al ricovero ospedaliero. Un compito a volte anche molto difficile e che si articola Integrando la presa in carico del minore con approcci multidisciplinari e attraverso la stesura di un progetto altamente personalizzato.

Il lungo lavoro di riabilitazione ha poi come obiettivo l’acquisizione, il recupero e il mantenimento di competenze specifiche, dalla cura di sé fino anche alla ricerca di un lavoro. Per questo occorre creare e sostenere un grande lavoro di rete tra famiglia, scuola, territorio, NPI, servizi sociali e associazioni.
Le attività all’interno dei centri diurni vengono svolte in gruppi composti da massimo tre minori compatibili per funzionamento, e sono condotte da operatori formati appositamente. Si tratta di un insieme di attività svolte in laboratori di musica, scrittura e lettura. Una parte importantissima del percorso è composta anche dalle attività manuali e creative, dalla cura del verde e degli animali, dai laboratorio di cucina e dalle attività teatrali.

Sperimentare è la chiave di tutto

La giornata è scandita da tempi ben definiti e da un susseguirsi di attività programmate, alternate a momenti di pausa e ristoro. Le attività proposte, suddivise per fasce d’età, sono orientate alla cura riabilitativa, con grande attenzione agli aspetti emotivi e affettivi di ciascun ragazzo e con la ricerca della socializzazione in contesti interni ed esterni al centro. Con la collaborazione delle famiglie AltraMente promuove inoltre incontri periodici per sperimentare nuovi progetti e permettere ai genitori di confrontarsi reciprocamente sulle attività che coinvolgono i loro figli.

Ci siamo anche nell’emergenza

Con l’avvento dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid, i nostri centri diurni hanno reso i propri orari maggiormente flessibili per andare incontro alle mutate esigenze dei minori e delle famiglie. Proprio per questo, e in relazione alle linee guida fornite dalla Regione, la fascia oraria è stata molto ampliata nella fascia mattutina, dando inoltre la possibilità ai minori di seguire la didattica a distanza presso i nostri centri diurni. L’equipe multidisciplinare presente nelle due strutture è piuttosto nutrita ed è composta da tecnici della riabilitazione psichiatrica, psicologi, educatori e Oss.

Specialmente Giovani

Specialmente Giovani è un insieme di servizi rivolti a bambini, ragazzi e famiglie che hanno il compito di promuovere il sostegno scolastico, l’avviamento al lavoro, il supporto psicologico e la formazione professionale. Ma anche lo sviluppo di competenze individuali e di interessi culturali e ludici, fino all’accompagnamento delle famiglie che si trovano in situazioni di marginalità sociale.

Sostegno scolastico

Svolgimento compiti e definizione di un metodo di studio

Accompagnamento scolastico e dopo-scuola

Un’equipe di educatori professionali accompagna ragazze e ragazzi nel recupero di materie scolastiche, favorendoli sia nello svolgimento dei compiti che nella definizione di un metodo di studio e quindi nell’acquisizione di un’autonomia nella gestione degli impegni scolastici. Il lavoro si sviluppa singolarmente e/o in gruppo

Accompagnamento al lavoro

Percorsi formativi per giardinaggio, sartoria e cucina

Formazione e orientamento professionale

Dedicati a ragazzi e ragazze che hanno concluso il percorso di studi o a coloro che li hanno interrotti e necessitano di un primo avviamento al mondo del lavoro. I corsi prevedono stages e anche “borse lavoro”, vale a dire effettive esperienze lavorative, di durata limitata e sostenute da un compenso economico.

Attività ricreative e didattiche

Attività per familiarizzare con lo sport e le tecnologie digitali

Laboratori e attività sportive

Oltre a palestra, calcio e kick boxing, nell’ambito della collaborazione con il MuFant, il Museo del Fantastico e della Fantascienza di Torino, è stata avviata una serie di percorsi che hanno come obiettivo lo sviluppo di un rapporto equilibrato con il mondo dei social media e più in generale delle tecnologie digitali.

Educativa territoriale

Interventi individuali e personalizzati per ciascun soggetto

Una rete di collaborazioni con scuole, Asl e famiglie

Un’equipe di educatori professionali, psichiatri e psicoterapeuti sviluppa interventi educativi sul territorio rivolgendosi ad adolescenti che vivono in famiglia o in strutture residenziali e che presentano problematiche quali disturbi dell’apprendimento, iperattività, scarsa motivazione nei confronti dello studio, dipendenze, nonché gravi patologie quali autismo e psicosi.

Servizi psicoterapeutici

Attività per familiarizzare con lo sport e le tecnologie digitali

Sostegno psicologico e counseling

Un’equipe di psicologi, psicoterapeuti ed educatori professionali sviluppa una serie differenziata di interventi, finalizzata a promuovere il benessere psicologico dei giovani e delle loro famiglie. Il percorso è individuale e permette ai giovani uno spazio di cura e ascolto con l’obiettivo di cambiare in modo consapevole il proprio stile di vita e ridurre la sofferenza.

Sostegno alla famiglia

Aiuto per le problematiche famigliari e la sofferenza psichica

Supporto psicologico per i membri di famiglie in difficoltà

Il servizio si rivolge a quelle famiglie nelle quali sono manifeste problematiche di relazione e di gestione di uno o più membri, tali da rendere difficoltoso il vivere quotidiano o da compromettere il benessere psicologico dell’intero nucleo familiare.

Loving the Alien

Alla scoperta della periferia più lontana e dimenticata, in cerca dell’elemento alieno che alberga in ognuno di noi

Il nostro progetto di riqualificazione urbana e sociale sviluppato nella periferia Nord di Torino. Un’esperienza che unisce psichiatria e immaginario fantastico in quattro ambiti di intervento sociale: la sartoria per cosplayers, il laboratorio di props artigianali, il Parco del Fantastico e il Festival del Fantastico.

1324